Attività per la scuola dell’infanzia e la scuola primaria

Coordinatore Ciro Paduano

Progetto vincitore della annualità 2018 per Art. 17″ Educazione e formazione musicale, teatrale e coreutica” della legge regionale 15/2014 “Disposizioni in materia di spettacolo dal vivo e di promozione culturale”

“Musica a… Scuola 2017-2018”
Progetto Didattico-Musicale rivolto alle scuole dell’Infanzia e Primarie

Nel nostro progetto la musica e le attività didattico musicali sono un’esperienza viva, ricca e interessante con l’obiettivo di generare una predisposizione nei confronti dello studio successivo della musica e/o di uno strumento, generando un buon rapporto con l’ascolto e la produzione musicale. Sono previste delle lezioni aperte a fine corso per condividere con i genitori i risultati del lavoro svolto durante l’anno.

Aree tematiche e contenuti:
MUSICA, MOVIMENTO E ASCOLTO ATTIVO (danze popolari internazionali, movimento espressivo, giochi musicali), VOCALITÀ (giochi vocalici, filastrocche, canti, sonorizzazioni), ALFABETIZZAZIONE MUSICALE (presentazione di codici grafici di rappresentazione del suono), STRUMENTARIO RITMICO-MELODICO DI BASE (accompagnamento di brani suonati, cantati e sonorizzazione di storie, racconti ed eventi naturali).

Proposta di collaborazione didattica a costo zero

1) Una lezione gratuita di prova per ogni classe dell’Istituto nella quale l’operatore lavorando direttamente con i bambini mostra le basi fondamentali e le dinamiche della nostra didattica;
2) Un incontro con i genitori e le insegnanti per spiegare loro i principi del nostro pensiero pedagogico;

Proposta di collaborazione didattica nel caso in cui venisse approvato il progetto:

Corso di 26 incontri per classe, sette mesi da novembre a maggio compresi.
La quota annuale di partecipazione è di € 70,00 a bambino. Due fratelli/sorelle €110,00 totali. Tre fratelli/sorelle €140,00 totali. Il pagamento si potrà effettuare in due rate.
Corso di 20 incontri per classe, cinque mesi nel periodo da novembre a maggio La quota annuale di partecipazione è di € 60,00 a bambino. Due fratelli/sorelle € 90,00 totali. Tre fratelli/sorelle €120,00 totali. Il pagamento si potrà effettuare in due rate.
Corso di 12 incontri per classe, quattro mesi nel periodo da novembre a maggio La quota annuale di partecipazione è di € 40,00 a bambino. Due fratelli/sorelle € 60,00 totali. Tre fratelli/sorelle €80,00 totali. Il pagamento si potrà effettuare in due rate.

Per tutti i casi di bambini indigenti, provenienti da case famiglie o con problemi segnalatici dalle insegnanti di classe, il corso sarà completamente gratuito.

Scarica “Progetto Musica a…Scuola 2017-2018” cliccando qui

Musica e relazione: un facilitatore in classe
Progetto psicopedagogico per la scuola dell’infanzia e per il primo ciclo della scuola primaria

Il progetto parte dall’idea di utilizzare l’attività musicale per facilitare il raggiungimento di obiettivi psicopedagogici.

La musica, da fine, diviene mezzo, per lavorare su aspetti relazionali, emotivi, cognitivi, aggiungendo uno strumento importante alla didattica scolastica.

In un contesto storico/culturale in cui alla scuola vengono tolte risorse e aumentate le richieste, la situazione dei gruppi classe, tra aumento del numero, disagi sociali e differenze culturali può divenire drammatica.

La gestione di un gruppo può quindi essere migliorata attraverso un lavoro:

  • Personalizzato e cucito su misura per le esigenze del gruppo classe, con un’attenzione mirata agli elementi più difficili.
  • In grado di muoversi su binari non verbali, corporei, emotivi, per coinvolgere i bambini di ogni età e di ogni provenienza.
  • Strutturato in modo da coinvolgere sia aspetti individuali che dinamiche di gruppo.
  • Volto a promuovere lo sviluppo di un pensiero divergente, di una comunicazione emotiva, di un ascolto empatico, di pratiche di integrazione e di inclusione, nel rispetto di ogni individualità.
  • Che comprenda una parte di lavoro diretto sul gruppo e una parte di formazione per gli insegnanti, in modo da permettere la generalizzazione delle competenze acquisite anche al di fuori dal laboratorio.
  • Articolato in una fase di osservazione, una proposta di intervento, un monitoraggio in itinere, con strumenti di valutazione della situazione iniziale e degli effetti alla fine del percorso.
  • Orientato a una didattica partecipata.

Le aree psicopedagogiche del progetto

Ascolto corporeo – Integrazione e inclusione – Riconoscimento dell’Alterità – Espressione emotiva – Problem solving – Competenze sociali – Condivisione e individualità – Lavoro sull’autostima

I contenuti del progetto (cosa facciamo)

Esplorazione corporea, dagli arti prossimali a quelli distali, respirazione, uso e modulazione della voce, ascolto di Se’ e dell’Altro, esplorazione dello spazio personale, sintonizzazione sull’altro, coordinamento del gruppo, movimento libero ed espressivo, pluralità dei linguaggi, condivisione dello spazio, costruzione di un progetto, sinestesie, costruzione di un evento musicale di fine corso.

Durata e costi

Il corso ha la durata di 20 incontri per classe nel periodo novembre-maggio e prevede 4 incontri di un’ora ciascuno, con date da concordare, con gli insegnanti coinvolti nel progetto ed estendibile ad altri insegnanti dell’istituto interessati.

Gli incontri saranno a cadenza settimanale ed avranno la durata di 50 minuti ciascuno.
L’ultimo incontro sarà dedicato ad una performance/lezione aperta finale alla quale saranno invitati i genitori dei bambini iscritti al corso.

La quota annuale di partecipazione è di € 60,00 a bambino. Due fratelli/sorelle € 90,00 totali. Tre fratelli/sorelle €120,00 totali.

Scarica Progetto “MUSICA E RELAZIONE: UN FACILITATORE IN CLASSE” cliccando qui

La musica si impara facendola e non astraendola; iniziare a scrivere le note sul pentagramma non significa ‘imparare la musica’ ma abituarsi a codificarla, iniziare a valle anziché a monte. La musica si impara vivendola fisicamente ed emotivamente, così che essa contribuisca alla nostra crescita come individui, attraverso una esperienza creativa che coinvolga tutto ciò che alla musica può essere inerente: il gioco, il movimento, il corpo, il canto, la drammatizzazione.

Nel progetto “Musica a… Scuola” le finalità e gli argomenti affrontati sono pressoché gli stessi sia per i bambini della scuola dell’Infanzia che per quelli della scuola Primaria; la differenza sostanziale consiste nello stile di conduzione, nelle strategie didattiche, nella differenziazione dei percorsi didattici, nei contenuti, nelle modalità di relazione e nella definizione degli obiettivi sia di carattere tecnico-musicale, sia di carattere interdisciplinare.
Le attività musicali si integreranno con le diverse aree di apprendimento (movimento, immagine, drammatizzazione, strumentario) in modo tale da fornire ai bambini una formazione artistica interdisciplinare. Alla fine dell’anno scolastico i bambini non saranno diventati dei “musicisti” cioè non suoneranno uno strumento d’arte, ma avranno sicuramente vissuto un’esperienza adeguata alle loro possibilità: avranno migliorato la loro capacità di relazione, cooperazione e collaborazione; avranno incrementato la loro autostima; avranno maggiore capacità di gestione delle coordinate spazio temporali; sapranno intonare dei canti; avranno imparato ad utilizzare gli strumenti ritmici e melodici; saranno in grado di riconoscere all’ascolto frasi musicali; sapranno muoversi con coordinazione in forme di danza strutturata e coreografie inventate; sapranno decodificare una partitura informale; saranno in grado di produrre una semplice performance di attività integrate.

Nel nostro progetto la musica è un’esperienza viva, ricca e interessante e non una disciplina ‘difficile’. Il nostro intervento educativo ha l’obiettivo di generare una predisposizione ed una disinibizione nei confronti della musica, un buon rapporto con l’ascolto e la produzione musicale; in virtù di questo, per chi decidesse in seguito di studiare la musica anche per un percorso da professionista, tutto sarà più semplice e naturale.

  • MUSICA E MOVIMENTO: coreografie su brani musicali, body percussion, danze popolari, attività ritmico-motorie, movimento espressivo.
  • EDUCAZIONE ALL’ASCOLTO: sviluppo dell’attenzione uditiva, ascolto emotivo, discriminazione e riconoscimento timbrico, ascolto strutturato.
  • VOCALITÀ: esplorazione e uso informale della voce, differenze tra il parlato ed il cantato, respirazione e intonazione, giochi cantati, canti accompagnati.
  • ALFABETIZZAZIONE MUSICALE: codici di trasformazione segno-suono formali e informali, presentazione di alcuni elementi del codice notazionale tradizionale.
  • STRUMENTARIO RITMICO-MELODICO DI BASE: sonorizzazioni, accompagnamenti ritmici, ostinati, realizzazione di partiture informali e non.
  • PERFORMANCE: costruzione di un evento musicale di fine corso (lezione aperta).

Gli operatori che partecipano al progetto sono professionisti, specializzati nel campo della didattica per l’infanzia e costituiscono uno staff selezionato e costantemente aggiornato sulle più diffuse metodologie didattico-musicali: Orff, Kodaly, Dalcroze, Gordon.

Sarà stipulata una polizza di assicurazione che deresponsabilizzi l’Istituto da qualsiasi causa di infortunio dell’operatore e, nel caso fosse richiesto, verrà fornito un certificato di sana e robusta costituzione fisica.

Scuola dell’Infanzia

  • Dario Balleggi
  • Priscilla Bei
  • Luca D’Aversa
  • Emanuela De Bellis
  • Ana Cristina Martinescu
  • Marzia Mencarelli
  • Aura Mogos

Scuola Primaria

  • Dario Balleggi
  • Priscilla Bei
  • Matteo Campa
  • Luca D’Aversa
  • Emanuela De Bellis
  • Federica Galletti
  • Marzia Mencarelli
  • Aura Mogos
  • Chiara Viola

FORMAZIONE PER LA MUSICA A SCUOLA
Corsi specifici di aggiornamento musicale per insegnanti della scuola dell’Infanzia e Primaria

Premessa

La Scuola Popolare di Musica Donna Olimpia svolge da 24 anni attività di formazione e aggiornamento riconosciuta, è stata tra i primi Enti accreditati in ambito musicale dal MIUR (DM 177/2000 successivamente Direttiva 90/2003) ed ha firmato un protocollo di Intesa con la Direzione Generale del Personale MIUR insieme ad altre Associazioni del Forum Nazionale per l’Educazione Musicale nel febbraio 2013.
Preso atto delle disposizioni contenute nell’art. 1 comma 20 e commi 121 e 124 della Legge 13 luglio 2015 n. 107 e in coerenza con le Indicazioni nazionali per il curricolo di Musica la Scuola presenta un progetto di corsi specifici ci formazione e aggiornamento per insegnanti della Scuola di infanzia e primaria.

Il progetto è elastico nella modlaità attuative e nei costi che andranno calibrati in base alle esigenze dei singolo Istituti, anche tenendo conto dell possibilità offerte dal comma 121 delle legge 107: al fine di sostenere la formazione continua dei docenti …, è istituita, … la Carta elettronica per l’aggiornamento e la formazione del docente di ruolo delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado. La Carta …può essere utilizzata …. , per l’iscrizione a corsi per attività di aggiornamento e di qualificazione delle competenze professionali, svolti da enti accreditati presso il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca …nonché per iniziative coerenti con le attività individuate nell’ambito del piano triennale dell’offerta formativa delle scuole e del Piano nazionale di formazione di cui al comma 124.

Finalità

Il corso vuole fornire ai partecipanti dei modelli di lezione che mostrino alcuni dei molteplici e possibili itinerari didattico-musicali. Il tentativo di attività integrate è quello di riunire, di fondere attraverso le sue proposte i vari aspetti di una formazione musicale:
– La rappresentazione mimico teatrale;
– Il movimento nello spazio strutturato e non, il gesto-suono, il movimento creativo ed espressivo;
– Strumenti ritmico-melodici come oggetti sonori e come strumenti musicali;
– La voce nel parlato, nel cantato e nelle sue possibilità fonico-espressive;
– La necessità di fondere assieme i diversi aspetti delle discipline artistiche in un ‘unica strategia di insegnamento verso le attività integrate.

In questo modo si ottiene il raggiungimento di obiettivi trasversali:
• Rendere consapevoli i partecipanti del saper fare in musica;
• Rendere consapevoli i partecipanti delle proprie risorse didattico musicali esistenti e come utilizzarle nei propri contesti lavorativi;
• Costruire una programmazione didattico musicale per obiettivi;
• Usare la voce, il corpo, il gioco e il fantastico come strumenti di strategie didattico musicali;
• Utilizzare materiale extramusicale nel contesto di una performance musicale;

Metodologia di lavoro

Il corso è prevalentemente operativo: attraverso il coinvolgimento attivo dei partecipanti si intende offrire un approccio diretto ed immediato al fare musica. A questo scopo i partecipanti verranno messi nella condizione di lavorare e apprendere come se fossero essi stessi un gruppo classe. Le esperienze fatte saranno di volta in volta oggetto di riflessione, sia per chiarire la logica dell’itinerario didattico seguito che per dare ulteriori suggerimenti per la prassi.

Aree tematiche

La vocalità;
Il movimento;
Lo strumentario;
Il fantastico;
Il gioco;
La performance;
La psicopedagogia e la didattica.

Contenuto

Gesti suono, elementi di body percussion, danze, filastrocche, canti e giochi cantati, strumenti poveri e strumenti musicali, storie, performance di elementi interdisciplinari.

Obiettivi

Potenziare il senso ritmico;
Migliorare l’intonazione;
Potenziare l’ascolto;
Sapere utilizzare lo strumentario ritmico melodico di base;
Gestire delle attività didattico musicali ;
Costruire una programmazione didattica coerente con il proprio contesto lavorativo.

Strumenti, modalità, tempi della verifica

Molte delle attività consentono una verifica immediata sia da parte dell’insegnante che in forma di riflessione nel gruppo. Verrà inoltre consegnato un verbale dettagliato delle attività svolte, per facilitare la rilettura e la successiva rielaborazione dell’esperienza vissuta, e verrà fornito un cd master con le musiche utilizzate e i files degli spartiti.

Costi, modalità e durata

Potenziare il senso ritmico;
Migliorare l’intonazione;
Potenziare l’ascolto;
Sapere utilizzare lo strumentario ritmico melodico di base;
Gestire delle attività didattico musicali ;
Costruire una programmazione didattica coerente con il proprio contesto lavorativo.